Warhammer 40K è la patria degli elfi più malvagi possibile e li adoro

Adoro gli elfi malvagi di Warhammer 40K

Immagine: Games Workshop

I Drukhari sono una fazione di cattivi incredibili

Parte del divertimento di Warhammer 40,000 è che nessuno è veramente il “buono” nell’ambientazione. Prendi l’Imperium dell’Uomo, che in gran parte funge da fazione punto di vista nei libri e nei giochi di 40K. L’Imperium è composto da una coalizione di sottofazioni assolutamente terribili, tra cui suore assassine che bruciano i loro nemici, soldati bambini indottrinati trasformati in marine da combattimento transumani e sacerdoti tecnologici che odiano la carne e creano computer cerebrali lobotomizzando criminali.

Ma c’è un gruppo di personaggi nell’ambientazione così comicamente malvagi, così ridicolmente maleducati, che non posso fare a meno di amarli più di tutto il resto. Questi alieni non sono felici a meno che non possano commettere alcuni crimini di guerra tra colazione e pranzo. Sto parlando, ovviamente, dei Drukhari, conosciuti anche come Eldar Oscuri, o gli elfi spaziali più malvagi che siano mai esistiti.


Immagine: Games Workshop

Chi sono i Drukhari? Sono una cultura specifica degli Aeldari, una specie che un tempo aveva un impero dominante che si estendeva per l’intera galassia. Questi elfi dotati di poteri psichici hanno raggiunto una società post-scarcity e hanno goduto di un facile accesso a una tecnologia così sofisticata da sembrare magia. Sembra una situazione piuttosto bella, ma siamo nel futuro oscuro e pieno di guerra, quindi ovviamente tutto doveva andare terribilmente storto. Nel caso della civiltà degli Aeldari, questo ha significato cadere nell’edonismo e nell’eccesso.

In 40K, c’è un secondo regno psichico che esiste in parallelo alla realtà. La Voragine o l’Imperium, è una riflessione dell’energia psichica dell’universo. Forze oscure risiedono nella Voragine, nutrendosi di emozioni estreme, e gli Aeldari hanno involontariamente offerto a quelle forze un banchetto. Mentre alcune fazioni hanno deciso di partire e andare a vivere in un quartiere spaziale più bello, molti Aeldari hanno scelto di rimanere. L’impero degli Aeldari alla fine è collassato in orgie e violenza orribile, e tutto culminò nella nascita del quarto dio del Caos, Slaanesh. La nascita di Slaanesh ha aperto una gigantesca fenditura nella Voragine chiamata Occhio del Terrore, ucciso la maggior parte degli Aeldari e distrutto il loro pantheon di dei.


Immagine: Games Workshop

Peggio ancora, Slaanesh ha fame delle anime di tutti gli Aeldari ancora oggi, impossessandosi di loro alla morte senza le adeguate precauzioni – e nessuna contromisura è perfetta. Dopo la morte, le anime degli Aeldari sono soggette a un tormento eterno mentre vengono consumate da Slaanesh nella Voragine. Non proprio fantastico! Gli Aeldari chiamano Slaanesh “Colei che ha sete”, e le sottofazioni hanno trovato ognuna il proprio modo di affrontare questa lama della ghigliottina esistenziale.

I Drukhari si distinguono per aver preso la coraggiosa decisione di guardare al collasso del loro impero e dire, Fottitene – continuiamo a fare festa. Odiano e temono ancora Slaanesh, e Slaanesh continua a nutrirsi delle loro anime e a ucciderli lentamente. Gli Eldar Oscuri scelgono di rimpiazzare ciò costantemente bevendo il Gatorade spirituale della sofferenza senziente.

Non voglio essere controverso, ma mi sento abbastanza a mio agio nel dire che è oggettivamente qualcosa di malvagio. Ecco perché amo così tanto i Drukhari: non fanno assolutamente nessuno sforzo per fingere il contrario. Sono pirati e predoni, che si avventurano fuori dalla città-stato di Commorragh, al riparo tra la Voragine e lo spazio reale. Se i Drukhari compaiono, di solito è per abbastanza tempo da rapire un sacco di persone e rubare tutte le loro cose.


Immagine: Owlcat Games

Se guardi solo la superficie dei Drukhari, è facile avere l’impressione che la loro finzione e lore siano solo gore. Ma la fazione ha avuto più spazio nelle recenti opere di Games Workshop; una serie di Warhammer Plus chiamata Iron Within vede i Drukhari fare irruzione in un mondo Imperiale, e il GdR Rogue Trader presenta Commorragh come un importante centro di contenuti. Ma il totale crollo dei Drukhari nel male e il loro rifiuto di migliorarsi o cercare di essere migliori li rende affascinantemente machiavellici, e sono ansioso di vederli avere una presenza più ampia in Warhammer 40K.

I Drukhari sono costantemente in lotta tra di loro, poiché la loro società è una meritocrazia violenta. Aggiungono scheletri a tutto, mostrano tutte le cose belle che hanno rubato e complottano spietatamente gli uni contro gli altri. Quando qualcuno ha cercato di sfidare il grande capo dei Drukhari, Asdrubael Vect, Vect gli ha inviato un bel regalo in risposta. All’interno della scatola c’era un buco nero che ha inghiottito tutti coloro che si trovavano nelle vicinanze della nobile casa. Questo è un livello di malvagità che adoro assolutamente; è come un reality show, tranne che tutti sono Skeletor. Inoltre, Commorragh è piena di concetti interessanti, come scienziati pazzi e scultori di carne, o porti commerciali e arene per gladiatori per coloro che sono abbastanza coraggiosi (o sfortunati) da lavorare con gli Eldar Oscuri.

In questo momento, molta attenzione è stata concentrata sull’Imperatore e sui suoi figli grandi – e non è un caso, dal momento che i fan amano così tanto gli Space Marine. Ma a volte non voglio leggere di battaglie con bolter o combattimenti con i carri armati. Voglio leggere di regine del dramma che aprono fessure extradimensionali nelle sale del trono dei loro rivali politici. Questo è un desiderio che solo i Drukhari sono in grado di soddisfare.