Call of Duty rimarrà su PlayStation dopo che Xbox acquista Activision

Call of Duty rimarrà su PlayStation dopo l'acquisizione di Activision da parte di Xbox.

Sony e Microsoft hanno siglato un “accordo vincolante” per mantenere Call of Duty nell’ecosistema PlayStation dopo il completamento dell’affare Xbox Activision.

In un tweet di oggi pomeriggio, il CEO di Microsoft Gaming, Phil Spencer, ha confermato che è stato raggiunto un accordo tra i due rivali per mantenere Call of Duty cross-platform – qualora l’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Xbox si concretizzi.

Non è ancora chiaro in questa fase iniziale se si tratti di un accordo decennale per garantire che Call of Duty rimanga ampiamente disponibile, simile a quello che Microsoft ha siglato con Nintendo, o qualcosa di completamente diverso – Sony avrebbe rifiutato un accordo simile l’anno scorso. Queste informazioni saranno sicuramente fornite nei prossimi giorni.

Tuttavia, questa è la conclusione di una lunga e amara battaglia tra le due aziende. Call of Duty è stato al centro delle preoccupazioni di Sony riguardo alla fusione, con l’editore che sostiene che il controllo di questa gigantesca franchigia da parte di Microsoft diminuirebbe la concorrenza nel settore. La sigla di questo accordo indica che le due parti hanno trovato alcuni punti di convergenza nei giorni successivi alla sconfitta della FTC in tribunale nel tentativo di bloccare la fusione.

Il presidente di Microsoft, Brad Smith, ha anche commentato l’accordo, pubblicando la seguente dichiarazione su Twitter: “Fin dal primo giorno di questa acquisizione, ci siamo impegnati a rispondere alle preoccupazioni dei regolatori, delle piattaforme, degli sviluppatori di giochi e dei consumatori. Anche dopo aver superato l’approvazione di questa operazione, resteremo concentrati nel garantire che Call of Duty rimanga disponibile su più piattaforme e per un numero maggiore di consumatori rispetto a prima.”

Stiamo ancora aspettando la data di uscita di Call of Duty 2023.