L’autore narrativo di Fable lascia Playground Games

Fable's narrative author leaves Playground Games.

La responsabile della narrazione di Fable, Anna Megill, ha lasciato Playground Games.

Megill – il cui impressionante curriculum include giochi ricchi di storia come Control, per il quale è stata anche responsabile della narrazione, Dishonored: Death of the Outsider e il prossimo Avatar: Frontiers of Pandora di Ubisoft – ha annunciato di essersi unita al progetto nel luglio 2022, ma dice che “il momento sembra giusto per nuove sfide”.

Fable – Xbox Games ShowcaseGuarda su YouTube

“Amici, ho una notizia. A agosto, mi allontano dal mio ruolo di responsabile della narrazione in Fable”, ha twittato Megill. “Ho trascorso diversi meravigliosi anni a scrivere nella mia casetta delle fiabe, ma il momento sembra giusto per nuove sfide.

“Lavorare su Fable è stato un sogno diventato realtà per me ed è doloroso lasciarlo alle spalle. Ma Playground ha formato un team di talento eroico, quindi so che è in buone mani. Sono entusiasta per ciò che verrà – per loro e per me.”

Megill ha concluso confermando che “si prenderà del tempo per riposarsi dopo un anno incredibilmente frenetico” dopo aver scritto due libri e dice che sarà pronta per nuove sfide da ottobre.

Megill è stata successivamente costretta a tornare su Twitter e aggiungere un commento aggiuntivo, tuttavia, dopo aver riferito che “alcune persone stanno esagerando” e leggendo troppo nella sua partenza da Playground Games.

“Alcune persone stanno esagerando, quindi voglio essere chiara: ho raggiunto un buon punto di svolta per lasciare il progetto, quindi l’ho fatto. E ho deciso di fare una piccola pausa prima di iniziare il mio prossimo incarico. Questo è tutto. Nutro solo affetto e rispetto per Playground e i miei colleghi lì.”

Per chi se lo fosse perso, Richard “Moss di The IT Crowd” Ayoade sarà il protagonista di Fable, come rivelato in un nuovo teaser trailer all’Xbox Games Showcase. Il comico britannico narra il trailer come ‘Dave, appassionato di verdure’, apportando una sana dose di umorismo britannico per cui la serie è conosciuta.