Need for Speed Most Wanted riceverà un remake secondo l’attore doppiatore originale

Need for Speed Most Wanted riceverà un remake con il doppiatore originale

Il remake del gioco di corse open-world del 2005 di EA, Need for Speed: Most Wanted, potrebbe essere in arrivo se un recente post di un doppiatore del gioco originale si rivelerà accurato.

La notizia di un remake di Need for Speed: Most Wanted arriva attraverso post cancellati su Instagram e Twitter (come segnalato sul subreddit GamingLeaksAndRumours) dell’attore Simone Bailly che, oltre ad apparire in varie serie televisive nel corso degli anni, come Stargate SG-1 e The L Word, ha interpretato l’ufficiale Turf nel gioco originale del 2005.

Secondo Bailly, un “remake di Need for Speed: Most Wanted verrà rilasciato nel 2024”, e possiamo presumere che si tratti di una nuova versione dell’originale del 2005 di EA Vancouver anziché del gioco del 2012 dello sviluppatore Criterion Games con lo stesso nome, poiché Bailly afferma di riprendere il ruolo di “partner” del protagonista Sergente Jonathan Cross.

Notiziario: L’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft è ormai cosa fatta?

Cross (doppiato da Dean McKenzie) ha avuto un ruolo importante nella storia di Need for Speed: Most Wanted 2005, guidando una squadra di agenti di polizia del traffico che cercavano di mettere fine alle corse illegali per le strade della città di Rockport. Il personaggio del giocatore, ovviamente, aveva altre idee.

Se le voci di Bailly su un remake si rivelano accurate, non è chiaro se lei e McKenzie siano tornati in studio per registrare nuove battute o se verranno semplicemente riutilizzate quelle del gioco originale.

Need for Speed: Most Wanted è stato ben accolto al momento del suo lancio nel 2005, con Eurogamer che lo definisce “quasi un acquisto indispensabile” e gli assegna un punteggio di 8/10. L’ultimo capitolo di Need for Speed di EA, Need for Speed Unbound dello scorso anno, ha ottenuto un distintivo di raccomandazione dall’ex redattore capo di Eurogamer, Martin Robinson, nonostante ci fosse la sensazione generale che EA lo avesse lanciato senza curarsi molto del risultato finale.