Il hacker di GTA 6 è stato giudicato inadatto per essere processato

The GTA 6 hacker has been deemed unfit for trial.

L’adolescente accusato di hacking e successiva estorsione a una serie di aziende, tra cui Uber, Nvidia e lo sviluppatore di GTA 6 Rockstar, è stato giudicato non idoneo a essere processato.

Arion Kurtaj, 18 anni, che aveva 17 anni quando, come parte del gruppo di hacker Lapsus$, ha diffuso decine di risorse rubate dal non ancora annunciato Grand Theft Auto 6, sta affrontando un processo per 12 reati, tra cui tre accuse di estorsione, due accuse di frode e sei accuse in base alla Legge sull’Utilizzo Improprio del Computer.

Secondo Reuters, l’adolescente ha hackerato Rockstar e ha inviato un messaggio attraverso Slack a tutto il personale di Rockstar, minacciando di rilasciare il codice sorgente.

Eurogamer Newscast: Quanto dannose sono le fughe di notizie sui videogiochi? Guarda su YouTube

Un secondo adolescente, che, a 17 anni, non è stato nominato, è stato anche accusato di due capi di estorsione, due capi di frode e tre accuse in base alla Legge sull’Utilizzo Improprio del Computer, anche se non si ritiene che sia stato coinvolto nell’hacking di Rockstar Games.

Reuters afferma che l’adolescente è stato “valutato da psichiatri come non idoneo a essere processato” e una giuria deciderà se Kurtaj è colpevole o meno degli atti commessi.

Kurtaj in precedenza si è dichiarato colpevole di un capo di frode e due reati in base alla Legge sull’Utilizzo Improprio del Computer, oltre a violare le condizioni della cauzione.

La enorme fuga di materiale di sviluppo di Grand Theft Auto 6 in corso di lavorazione è avvenuta lo scorso settembre, rilasciando oltre 90 screenshot e video.

In una dichiarazione pubblicata quando l’azienda è tornata al lavoro, Rockstar ha ammesso di aver subito una “intrusione nella rete” – un hack – da cui era stato prelevato il materiale di sviluppo iniziale di GTA 6 e ha riconosciuto di essere “estremamente delusa” per quanto accaduto.