L’Ultima Speranza su Switch un disastro assoluto e il peggiore gioco che abbiamo mai testato

The Last Hope on Switch is an absolute disaster and the worst game we have ever tested.

Da APB Reloaded a Life of Black Tiger e oltre, abbiamo coperto alcuni veri e propri flop su Digital Foundry – accidenti, lo Spirito del Passato di Phoenix ci ha persino lasciato un regalo caldo e fumante di dodici terribili giochi Phoenix qualche anno fa. Conoscevo i giochi brutti – o almeno così pensavo. Vedi, mentre lo scavo delle cartucce di ET sepolte in una discarica nel 2014 ha fatto notizia all’epoca, si scopre che il Nintendo eShop sta diventando la discarica dell’era digitale. Ogni settimana, il negozio viene invaso da una selezione di roba a basso budget che farebbe arrossire Steam. Tuttavia, non ero preparato per il viaggio che avrei presto intrapreso con The Last Hope: Dead Zone Survival e altri ‘giochi’ prodotti dalla fabbrica di rottami conosciuta come West Connection Limited.

Se stai cercando un’alternativa adatta a leccare la tazza del water, West Connection Limited fa al caso tuo. Stanno portando sul tavolo un vero e proprio buffet di spazzatura fumante, incompleta e a malapena funzionante che fa sembrare Nintendo un gigante. Nel costruire il suo catalogo di bile fetida, West Connection ha padroneggiato l’arte del gioco SEO attraverso una collezione di parole vagamente assemblate che sono state esplicitamente create per ingannare i clienti a sprecare i loro soldi e il loro tempo. Ti piace Call of Duty o Battlefield? Prova World War: Battle Heroes Field Armies Call of Prison Duty Simulator – o forse Counter Bottle Shooter: Pro Aim Master Target Bottle Shoot 3D Game Strike Pistol.

John Linneman ospita questa preoccupante esplorazione dei peggiori giochi disponibili sul Nintendo eShop in glorioso 4K. Guarda su YouTube

Questi ragazzi capiscono come massimizzare i risultati all’interno dell’orribile sistema di ricerca dell’eShop, ma è The Last Hope: Dead Zone Survival che ha davvero messo West Connection sulla mappa per molti di noi quando il suo “artwork” è diventato virale sui social media, raffigurando essenzialmente Ellie di The Last of Us senza il numero di serie. La tattica ha funzionato e i detriti digitali si sono diffusi come un incendio su Internet.

Il gioco inizia con la schermata di avvio di Unity, seguita da una schermata del titolo completamente statica che assomiglia all’artwork di UbiSoft’s The Division. Ti vengono presentate tre opzioni – Nuova partita, Caricamento e Controlli. Se scegli Nuova partita, ti troverai di fronte a una serie di immagini fisse, con diapositive scritte male che spiegano la situazione. La premessa coinvolge una macchina del tempo, degli zombie e il governo. Il gioco quindi si carica in una scena animata in prima persona estremamente scattante che mostra il tuo personaggio che si sveglia in una stanza d’ospedale. Benvenuto in The Last Hope, suppongo. Giocherai come il commando viaggiatore nel tempo Brian nella sua missione per… non so, salvare l’umanità? Non è molto chiaro.

Il tuo primo obiettivo è lasciare l’ospedale, ed è qui che inizierai a sentire la tua anima scivolare via. L’ospedale è composto da tre stanze, tutte divise da schermate di caricamento – la tua stanza d’ospedale, un corridoio e una scala. Il frame rate è completamente sbloccato e estremamente instabile fin dall’inizio, anche se peggiorerà molto prima di finire. Funziona a 1080p nativi in modalità docked e a 720p in modalità portatile, il che è bello sulla carta ma dato le prestazioni probabilmente non dovrebbe essere così.

Ecco come The Last Hope si confronta con The Last of Us. Questa è la versione rimasterizzata rilasciata per PS4 e, nonostante la sua età, credo sia giusto dire che ha un vantaggio visivo su The Last Hope. Chi pensi che vincerebbe in una lotta? Brian o Joel?

Una volta raggiunto il fondo delle scale, però, ti troverai di fronte a una schermata di caricamento molto più lunga che alla fine ti porterà in città. L’intero gioco si svolge in questa strada a forma di U piena di zombie e auto muscolose. Il mondo è ricoperto di texture a bassa risoluzione che si ripetono senza fine, con praticamente nessuna illuminazione. Le ombre sono estremamente a bassa risoluzione e appena coerenti.

The Last Hope vanta un frame-rate completamente dinamico che può variare da 60fps fino a un incredibile 15! In certi casi, il gioco sembrava rompersi con glitch visibili che apparivano sullo schermo. Strani artefatti di sbocciatura, ombre sfarfallanti e texture alfa rotte. Ancora peggio, aprire qualsiasi porta nel gioco ha una piccola percentuale di possibilità di far crashare il gioco facendoti perdere tutto il progresso. Ah, e quando riavvii il gioco, c’è anche il rischio di selezionare per errore la Nuova partita poiché il menu principale è attivo sotto la schermata di avvio di Unity. Oops.

Tutta la narrazione della storia è gestita attraverso caselle di testo che spesso si sovrappongono in modo goffo con altri elementi dell’interfaccia utente. Come ho già notato in precedenza, in questo gioco non c’è doppiaggio e la scrittura stessa fa sembrare i post di Twitter più simili a Tolstoj. Ah, e poi c’è la colonna sonora – a parte una canzone nel menu principale, c’è solo una canzone nel gameplay effettivo, se si considera quello che sembra una registrazione di qualcuno che russa come colonna sonora. Questo è l’unico suono ambientale presente in tutto il gioco e lo sentirai dall’inizio alla fine.

Ecco come si confronta Eva con Ellie – come puoi vedere, West Connection ha optato per l’utilizzo di una copia di scarsa qualità del modello di Ellie con lo stesso vestito e desGameTopic. Qui non ci sono luci, ombreggiature o dettagli presenti e cosa c’è di sbagliato con quegli occhi?

Tuttavia, è il desGameTopic e l’economia di questo gioco che mi affascina di più. Questo è fondamentalmente un gioco di 15 minuti se lo si gioca correttamente, ma è molto facile rompere completamente il gioco. Per capire questo, diamo uno sguardo all’economia del gioco.

Innanzitutto, Brian ha una barra della salute, una barra di resistenza e accesso esattamente a tre armi nel corso del gioco – una mazza da baseball, una pistola e un fucile d’assalto. Ok, tecnicamente ne hai una quarta se conti il cocktail Molotov che può essere creato da un orribile sistema di menu. Ho trovato abbastanza materiali per crearne due. Ho stabilito che ci sono 64 proiettili disponibili per la pistola durante tutto il gioco e 100 proiettili per il fucile d’assalto. Uccidere uno zombie richiede tre proiettili dalla pistola, quattro proiettili dal fucile o tre colpi con la mazza. Puoi colpire con la mazza 20 volte con un’unica barra di resistenza e ci sono tre MRE nel gioco per ricaricare parzialmente la resistenza. La resistenza si scarica anche permanentemente se corri.

Questo significa che, se colpisci ogni singolo colpo e colpisci con la mazza ogni volta, senza mai correre, puoi uccidere 46 zombie con le tue armi da fuoco e 12 zombie con la mazza, per un totale di 58 nemici. Aggiungi altri otto zombie circa se conti il cocktail Molotov. Ci sono circa tre o quattro volte quel numero totale di zombie in questo gioco. Perché è importante? Beh, in determinate circostanze, se sprechi anche solo un proiettile, puoi ritrovarti in una situazione senza via di uscita.

Senza alcun tipo di animazione facciale, il dialogo è divertentemente non convincente.
Risulta essere un’impresa impossibile premere ‘E’ sullo Switch per aprire una porta.
I glitch visivi sono comuni, come questi problemi con i semafori.

Dopo aver lasciato la farmacia, il gioco ti chiede di scassinare questa macchina della polizia – la seconda delle tre mini-giochi di scasso nel gioco. Il problema è che il gioco non si mette in pausa durante lo scasso, ma non viene data alcuna indicazione che stai venendo attaccato, quindi, quando finisci questo mini-gioco, la telecamera si allontana e tu muori istantaneamente, indipendentemente da cosa succede. Ancora peggio, il gioco di solito si blocca sulla schermata ‘You Dead’, costringendoti a uscire completamente dal gioco e a riavviarlo. Stai solo attento a non saltare il logo di Unity e avviare per errore un nuovo gioco! Per completare questo mini-gioco, devi uccidere ogni zombie nell’area – il che significa che hai bisogno di abbastanza proiettili e colpi di mazza per eliminarli tutti. Se sei arrivato a questo punto senza le munizioni necessarie, non sarai in grado di farcela.

Oh, e questo non tocca nemmeno il problema di Ellie, er, Eva – a metà del gioco, la incontri nella biblioteca e inizia a seguirti. Se Eva si avvicina a distanza di sputo da uno zombie, si accovaccia e rimane lì finché tutti gli zombie non vengono eliminati. Con il numero limitato di nemici che puoi uccidere, questo diventa un vero problema poiché potresti rimanere senza abbastanza munizioni per finire il gioco se si accovaccia nel posto sbagliato. Ti ritroverai a strisciare lungo il perimetro della città e, una volta che si accovaccia, sperare di poter arrivare alla prossima schermata di caricamento prima che muoia.

Ciò che rende tutto ciò ancora più divertente è la struttura. Gli obiettivi vengono presentati in modo lineare su questa strada a forma di U. Sei sempre bloccato in sezioni specifiche di questa strada finché non completi ogni obiettivo, quindi non c’è opportunità di esplorazione. Dal momento in cui lasci l’ospedale, il gioco ti presenterà esattamente 15 obiettivi prima di completarlo, solo variazioni su entrare in un’area, cercare oggetti e uscire.




Questi giochi, prodotti da studenti di un’università tedesca locale, spazzano via tutto ciò che West Connection Limited ha prodotto.

Quindi sì, cos’altro posso dire? I prodotti prodotti da West Connection Limited sono l’equivalente dell’eShop di un pop-up del browser pieno di malware ed è deludente che Nintendo permetta persino un prodotto del genere sul loro negozio.

Questo mi ha fatto pensare anche ai progetti più piccoli in generale. Voglio dire, guarda i progetti basati su Unity creati dagli studenti di un’università locale sopra – presentano idee intelligenti e interessanti con meccaniche funzionali e un design visivo originale. Questi sono giochi realizzati da studenti che stanno ancora imparando sui giochi e spazzano via tutto ciò che West Connection Limited ha mai prodotto.

Certo, non siamo gli unici a aver messo alla prova questo gioco – i nostri colleghi di Eurogamer l’hanno già fatto – e sono stati fatti tentativi di ottenere commenti sul gioco sia da Nintendo che da Sony, ma finora, nessuna delle due aziende ha risposto.

Testare The Last Hope è stato sia catartico che illuminante. Avevo in gran parte ignorato i negozi digitali infestati di shovelware e avevo supposto che molti di essi fossero innocui, ma quando vedi qualcosa del genere, si spalancano le porte sulla depravazione che si annida in certi angoli dell’industria. The Last Hope è progettato per spillare soldi. Qui non c’è un gioco – è effettivamente una truffa. Lo sapevamo tutti dal trailer, ma il fatto che il gioco effettivo sia ancora molto meno di quello che è stato mostrato in quel terribile trailer è sinceramente scioccante. La prossima volta che ti trovi a guardare qualcosa come un Redfall o Destruction AllStars e pensi “Accidenti, questi sono brutti giochi”, voglio che ti fermi, respiri profondamente e ricordi The Last Hope: Dead Zone Survivor.