Questo gioco survival horror adatto ai bambini è Resident Evil con Muppets posseduti.

This kid-friendly survival horror game is Resident Evil with possessed Muppets.

Gore non è sempre necessario nei migliori giochi horror, e My Friendly Neighborhood ne è la prova. Il nuovo sparatutto in prima persona di DreadXP è un’esperienza unica, uno spin satirico sull’horror survival convenzionale e uno spaventoso gioco a sé stante.

Risolvere enigmi e correre attraverso un set cinematografico abbandonato diventa ancora più inquietante quando sono inseguito da burattini marionette aggressivi e inquietantemente allegri, a volte persino che parlano all’unisono. Gestire una scorta sempre più scarsa di munizioni e oggetti curativi, oltre a chiavi, pezzi di puzzle e barrette energetiche per aumentare la velocità, è solo un’altra cosa di cui devo tener conto, e se rimango fermo troppo a lungo, so che potrebbe trovarmi. In poche parole, My Friendly Neighborhood racchiude il meglio di Resident Evil senza versare nemmeno una goccia di sangue, mostrando inventiva nel rendere il genere sicuro per i bambini e sacrificando assolutamente nulla nel processo.

Brividi adatti ai bambini

(Credito immagine: DreadXP)

(Credito immagine: Dread XP)

Scopri la nostra opinione su The Mortuary Assistant di DreadXP, un coinvolgente horror indie che lascia il segno nell’anima.

Una delle cose che preferisco di My Friendly Neighborhood è come si prende gioco in modo affettuoso dei cliché dell’horror survival. Prende il repentino tuffo degli eroi coraggiosi di Resident Evil 2 in un mondo caotico infestato da zombie e lo amplifica di dieci volte, questa volta mostrando Gordon, un uomo tuttofare riluttante e completamente disinteressato, che affronta il suo ultimo lavoro della giornata con evidente disprezzo. Inviato in uno studio televisivo abbandonato per smontare una parabola satellitare e impedire che interferisca con la normale programmazione delle notizie, ciò che trova lì è sicuramente un lavoro ben al di sopra del suo stipendio.

Mentre Gordon esplora un labirinto di palcoscenici abbandonati, guardaroba di costumi, reparti di scenografia e camerini, scopre una storia inquietante che sottende lo show televisivo per bambini che una volta chiamava questo posto casa. Inizia così un affascinante ciclo di gameplay, bilanciando la tensione con momenti di leggerezza per creare una avventura ben ritmata che mi ha fatto ridere in un momento e imprecare nel successivo.

(Credito immagine: DreadXP)

My Friendly Neighborhood ha tutte le caratteristiche di una buona storia di survival horror, tranne il sangue e le viscere. C’è la gestione dell’inventario per tenerti sulle spine, con la tua valigetta che si riempie rapidamente se decidi di accumulare pozioni curative, e invece di raccogliere nastri d’inchiostro, non puoi salvare il gioco a meno che non abbiano raccolto gettoni da utilizzare in una stanza sicura.

Invece di incendiare teste rosse come nel primo gioco di Resident Evil, puoi imbavagliare una bambola tramortita con nastro adesivo una volta che l’hai abbattuta a colpi di chiave inglese. Proprio come incendiare una testa rossa impedisce che si rianimi, le bambole in My Friendly Neighborhood non possono liberarsi dal nastro adesivo. Non farlo significa che la bambola in questione si alzerà di nuovo e riprenderà a parlare la prossima volta che passerai dalla stanza. C’è una scarsità di nastro da recuperare dal set cinematografico abbandonato, però, quindi mi sono assicurato di risparmiare il mio nastro per le aree particolarmente affollate o ad alto traffico in cui potrei tornare.

Uguale ma diverso

(Credito immagine: DreadXP)

My Friendly Neighborhood racchiude il meglio di Resident Evil senza versare nemmeno una goccia di sangue, mostrando inventiva nel rendere sicuro per i bambini il genere e sacrificando assolutamente nulla nel processo.

Il confronto con Resident Evil non è qualcosa che DreadXP cerca di nascondere in My Friendly Neighborhood. Anzi, lo celebra e lo cita apertamente costantemente.

Un riferimento eccezionale a Resident Evil per me è quando, entrando per la prima volta in una grande hall, si sente un rumore ritmico mentre un’ombra sul muro di fronte mostra un burattino che si lancia contro una porta chiusa a chiave. Nella mia mente, questo è un immediato omaggio allo zombie della macchinetta distributrice di Resident Evil 2, solo che la prima volta che incontri il suo controparte di My Friendly Neighborhood, non hai altra scelta se non quella di entrare di nascosto da un’altra porta dato che non ottieni la tua prima arma ancora per un po’.

Le sfide in My Friendly Neighborhood sono ingannevolmente impegnative a volte. I puzzle sono un pilastro del sottogenere survival horror e nonostante sia presentato come un “gioco horror per bambini”, questi momenti possono essere davvero cervellotici. Un esempio di ciò è quando arrivi al tuo primo grande sound stage e trovi un orologio sul muro di una pizzeria. All’inizio non avevo idea di cosa farci e con il curioso cinguettio di Tyrant stand-in Pearl la Gigante Spaventosa Signora Uccello (o almeno così l’ho soprannominata) che picchia costantemente fuori, ho deciso di lasciare questo puzzle per dopo.

(Credito immagine: DreadXP)

Alcuni giri di palco in più mi hanno mostrato che le lancette dell’orologio corrispondevano effettivamente a casseforti montate a parete nascoste nei livelli superiori del palco e per sbloccarne ognuna, avrei dovuto andare avanti e indietro tra la pizzeria e questi piani molto alti e molto esposti senza essere visti da Pearl o inseguito da un burattino.

My Friendly Neighborhood è una scelta eccellente per gli appassionati di horror indipendenti, ma è anche un ottimo punto di ingresso nel genere per coloro che si impressionano facilmente. La narrazione basata sull’esplorazione è intervallata da situazioni a pressione gestibili per aumentare la tensione, ma essendo così concentrati nel risolvere i puzzle, ci si abitua al chiacchiericcio inquietante delle bambole dopo un’ora o due. A meno che ovviamente non si abbia una paura profondamente debilitante dei Muppet.

Cerchi qualcosa con un po’ più di mordente? Dai un’occhiata ai migliori giochi simili a Resident Evil.